Luoghi della Cultura

Personaggi famosi legati a Macerata

  • A Macerata nato Padre Matteo Ricci, padre gesuita che visse per anni nella Cina dei Ming. Il gesuita introdusse la geometria euclidea nella corte e prepar cinque edizioni diverse di carte geografiche universali. Sono ancora conservate alcune rarità che port dai suoi viaggi: il mappamondo in otto rotoli in lingua mandarino e mancese, l'astrolabio, gli orologi e i kesi, arazzi che abbellivano le case dei cinesi.
  • A Macerata nacque anche Pietro Paolo Floriani (1585 - 1638), Cavaliere di Malta, ingegnere militare e teatrale del XVII secolo, fu un importante personaggio storico che diede lustro alla città di Macerata per la sua vita avventurosa di uomo d'armi, letterato e architetto militare. Oltre alle fortificazioni eseguite in Italia e nel nord Europa per papa Urbano VIII, il Re di Spagna e l'Imperatore Ferdinando, progett le mura a nord della capitale maltese Valletta, all'interno delle quali, tra il '700 e l'800 si svilupp un nuovo insediamento che prese il nome di Floriana in onore dell'ingegnere marchigiano.
  • Intorno alla metà del '500, Torquato Tasso venne a Macerata per far esaminare il suo "La Gerusalemme liberata" all'Accademia dei Catenati, al tempo una delle pi eminenti accademie letterarie italiane.
  • A Macerata nacque e oper intensamente lo scultore Giuseppe De Angelis.
  • Carlo d'Azeglio ed Alessandro Manzoni ebbero stretti rapporti con la famiglia Ricci, vennero pi volte a far loro visita nel magnifico palazzo settecentesco che oggi ospita una tra le pi importanti collezioni di arte italiana del '900.
  • Nel 1772, nel magnifico Palazzo Compagnoni - Marefoschi, si unirono in matrimonio Carlo III Stuart, il pretendente al trono inglese in esilio in Italia e Luisa Stolberg, la contessa d'Albany amata da Alfieri.
  • Loris Campetti, giornalista italiano.
  • Nel campo dell'arte si segnala anche la significativa presenza dello scultore garibaldino Giovanni Battista Tassara e quella dello scultore e insegnante Salvatore Giarrizzo.
  • Sempre a Macerata nato uno dei maggiori orientalisti occidentali: Giuseppe Tucci.
  • Anche Achille Barilatti, medaglia d'oro al valor militare nato in questa città.
  • Nel 1815, anno della Battaglia di Tolentino, Gioacchino Murat, preso il comando del Governo francese, stabil il suo quartier generale nel Palazzo Torri, sito in Via Garibaldi.
  • A Macerata legato anche il nome di Giuseppe Garibaldi, che vi soggiorn per alcuni mesi e dove form la cosiddetta "Legione maceratese" che a Roma, il 30 aprile 1849, riport la storica vittoria di Porta san Pancrazio, in difesa della Repubblica romana. Questo avvenimento fu importante per la causa del Risorgimento italiano, dedicato da Garibaldi stesso ai maceratesi. I reduci di quella impresa fondarono il circolo garibaldino "Il Giardinetto" che vanta ormai una storia ultracentenaria.
  • Macerata vanta tra i suoi figli pi illustri anche numerosi artisti delle avanguardie del primo Novecento. Uno su tutti fu "Scipione (Gino Bonichi)" , fondatore di un gruppo che verrà poi definito "Scuola di Via Cavour" e che fu il primo nucleo della pi famosa Scuola romana. Altro importante artista di questo perio fu Sante Monachesi allievo del maestro De Angelis. Negli anni trenta aderisce al movimento di Aeropittura Futurista, fondando con Tano ed Umberto Peschi, anch'esso maceratese, "il Gruppo Futurista U. Boccioni".
  • A Macerata, nel 1881, nato il grande attore tetrale Uberto Palmarini - marito di Mercedes Brignone - la cui compagnia per prima in Italia rappresent nel 1922 le opere di Anton Cechov.
  • Altri maceratesi che hanno legato il loro nome al movimento Futurista sono Ivo Pannaggi, che nel 1922 scrive "Il Manifesto Dell'Arte Meccanica Futurista", con Vinicio Palladini e con la supervisione di Filippo Tommaso Marinetti e Wladimiro Tulli che, dopo aver iniziato la sua attività nel 1938 con il pittore Bruno Tano, continu la propria ricerca con Enrico Prampolini e successivamente con Osvaldo Licini. Nel 1939 ebbe il suo primo incontro con F. T. Marinetti, conobbe Giacomo Balla, Fortunato Depero, Gino Severini, Mario Radice e Ivo Pannaggi. Dal 1938 al 1943 fece parte del Gruppo Boccioni di Macerata.
  • A Macerata riposano anche le spoglie del pittore futurista Tullio Crali, fondatore dell'Aeropittura e della Sassintesi. Amico anch'egli di F.T. Marinetti e di G. Balla considerato l'inventore del Borsello da Uomo. Gran parte delle sue opere pi celebri fra cui Incuneandosi nell'abitato sono ospitate al MART di Rovereto.
  • Lauro Rossi (Macerata 19 febbraio 1810 - Cremona 5 maggio 1885) Dedito soprattutto al teatro d'opera.
    Entrato giovanissimo nel R. Collegio di S. Sebastiano in Napoli, studiò musica coi maestri: Giovanni Furno, Nicolò Zingarelli e Girolamo Crescentini, e ne uscì musicista nel 1829 - Inizialmente scrisse alcune messe , cantate ed altre composizioni vocali, poi esordì con l'opera buffa: Le Contesse villane (Napoli, teatro la Fenice , primavera 1829).
    Viaggio per vario tempo per mettere in scena le sue opere,occupando vari posti di maestro; dal 1835 al 1844 viaggio insieme ad una compagnia d'opera italiana il Messico. - Nel 1850 occupò il posto di direttore del R. Conservatorio di Milano; nel 1871 succedette al Mercadante nella direzione di quello di Napoli; carica che tenne, sino al 1878. - Nel 1882 si ritirò a vivere a Cremona. Fu socio onorario di diverse Accademie, ricevette vari Ordini Cavallereschi.
    A Lauro Rossi è dedicato il teatro di Macerata, già Teatro Condominiale fino al 1884, anno in cui prese il nome del celebre compositore.
  • Giuseppe Mainini (Macerata 1898 - Macerata 1981) Incisore ed illustratore.
  • Altro maceratese illustre fu Lino Liviabella (1902 - 1964), il grande musicista della spiritualità.
    A Roma, mentre frequentava la Facoltà di Lettere, si iscrisse al Conservatorio di S. Cecilia, diplomandosi in Pianoforte, Organo e, con Respighi, in Composizione. Ottenne con le sue composizioni numerosi premi in Italia e all'estero. Fra i suoi lavori ricordiamo, le opere: Antigone, La Conchiglia, Canto di Natale; tra le cantate: Sorella Chiara, Caterina da Siena, O Crux, ave!, Le sette parole di Ges sulla Croce; tra i poemi sinfonici: Monte Mario, La mia terra, Sinfonia in quattro tempi per soprano e orchestra; le numerose composizioni di musica da camera. Svolse anche una intensa carriera didattica: insegnante di Pianoforte e Direttore del Liceo Musicale di Pescara, insegnante di Armonia in quello di Venezia, di Composizione al Conservatorio di Palermo, tenne per dieci anni la cattedra di Composizione a Bologna, e fu direttore dei Conservatori di Pesaro, di Parma e di Bologna.
  • A Macerata nato lo scenografo premio Oscar per le scenografie di "The Aviator" e "Sweeney Todd: Il diabolico barbiere di Fleet Street", Dante Ferretti.
  • Maceratese anche lo scultore contemporaneo Valeriano Trubbiani, nato nel 1937 che, dopo essersi diplomato all'Istituto d'arte di Macerata frequenta la "scuola del nudo" all'Accademia di belle arti di Roma.
  • Maceratese era Remo Pagnanelli, poeta e critico letterario.
  • A Macerata cresciuto ed ha studiato Iginio Straffi fondatore della "Rainbow SpA" e noto soprattutto per aver creato e diretto la serie TV Winx Club, la saga delle fatine pi celebri del mondo.
  • A Macerata vissuto ed ha operato Luigi Calistri (Loreto 1921 - Macerata 1991), organista e fondatore della corale della Cattedrale.
  • Qui, nel 1970 mor Alessandro Serenelli che nei pressi di Conca uccise Maria Goretti.
  • A Macerata vive Mike Melillo, jazzista, nato a Newark, New Jersey, nel 1939.
    Negli anni '70 a Macerata nacque un Festival Jazz che vide la partecipazione tra gli altri di artisti del calibro di Miles Davis e Chet Baker, quest'ultimo fu molto legato a Macerata, dove si esib anche in alcuni Club privati.
    Sempre in campo musicale da segnalare il grande attaccamento da parte della "Gang" alla città dove ogni anno fanno tappa fissa.
  • Sono nati o sono comunque legati alla città alcuni ex calciatori, ed attualmente allenatori, come: Pino Brizi, Dino Pagliari, Giovanni Pagliari, Stefano Colantuono e l'ex stella del calcio slavo Borislav Cvetkovic.Sempre in campo calcistico sembra giusto ricordare un maceratese d.o.c. come il grande arbitro Cesare Jonni.
  • Carlo Azeglio Ciampi, ex Presidente della Repubblica Italiana ha lavorato per circa dieci anni nella filiale della Banca d'Italia di Macerata.
  • Maria Assunta Lorenzoni, partigiana
  • Nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Macerata fu professore ordinario di storia del diritto italiano l'accademico Mario Sbriccoli che, in questa città, mor il 1 agosto 2005. Costantino Mortati, annoverato fra i pi autorevoli giuristi italiani del Novecento fu professore di Diritto costituzionale a Macerata, dove fu anche rettore. Sempre in tale facoltà furono professori ordinari di Istituzioni di diritto privato Francesco Gazzoni e di Procedura Penale l'Onorevole Carlo Taormina.
  • Tra le presenze autorevoli nell'Ateneo Maceratese sono da registrare anche il prof. Annibale Marini ordinario di diritto privato, futuro presidente della Corte Costituzionale, il prof. Roberto Zaccaria ordinario di diritto costituzionale, futuro presidente RAI, il prof. Giuseppe Santoro Passerelli ordinario di Diritto del Lavoro giurista di chiara fama ed autore di numerose pubblicazioni.
  • A Macerata nacque Giuseppe Alaleona (1670-1749), giureconsulto e letterato

© 2017 TUTTOMacerata.it - P.I. 01373770435 | Privacy Policy | Informativa Privacy  Seguici su Facebook  
Top